Che cosa significa apertura mentale?

Penso che può assumere un significato per una persona oppure averne esattamente un significato opposto per un’altra. Voglio provare a raccontarvi cosa significa per me apertura mentale e provo a farlo attraverso una storia molto importante e personale.

Poco più di un anno fa, mi sono trovato a dover fare una scelta molto importante per me e per il mio futuro. Andando dritto al dunque, dovevo decidere se cambiare lavoro oppure no. Vi chiederete cosa può mai centrare con apertura mentale e soprattutto legata al mondo del lavoro e della crescita personale. Ora ci arriviamo. Dovevo decidere se continuare nel mio lavoro con la mia stabilità, e non parlo di una stabilità solo economica ma dopo tre anni in una realtà che mi ha dato tanto e che mi ha fatto crescere enormemente sia dal punto di vista professionale che umano con un contratto a tempo indeterminato in mano, oppure decidere di cambiare oltre che lavoro anche settore, mansioni, rapporti e stipendio! Fatte tutte le mie valutazioni del caso, ho deciso di cambiare lavoro e affrontare una nuova sfida, perseguendo così ancora una volta quelli che sono i miei obiettivi professionali e personali.

Cosa centra con l’apertura mentale delle persone?

Mi sono messo in condizione di dover uscire dalla mia zona di confort o come tutti oggi dicono “confort zone” e incominciare tutto da capo e di nuovo stimolare quello che era la mia professionalità. Attraverso questo percorso, e non mi riferisco al semplice cambio di lavoro e tutto quello che è connesso, ma al tempo che è passato da quel giorno sino ad oggi e ancora prima, il tempo che è passato da quando ho preso la scelta di entrare a far parte e collaborare con il vecchio lavoro fino al giorno in cui ho deciso di consegnare le dimissioni.

<>

Ogni percorso di vita e professionale che una persona compie alimenta lo stato di apertura mentale di se stessa e di altre che la circondano e che la contaminano. Apertura mentale ha un significato molto più ampio e profondo per ognuno di noi. Ci sono tratti comuni e similari che possono contraddistinguere il termine ma proprio perché è più ampio si tratta di mettere sempre in discussione e rivedere ogni giorno e ogni istate lo stesso significato che ha per noi. Rivedere qualcosa che sia contrastante rispetto alla nostra visione, qualcosa che non sia mai stato nemmeno pensato, qualcosa che pensiamo sia giusto fino a quel momento e che poi ci siamo resi conto che non è proprio così.

<>

Oggi, più che mai siamo sempre di più connessioni l’uno con gli altri. Quattro generazioni umane che vivono collegate in tutto il mondo. E ora ditemi, se mi collego su skype con il mio zio argentino di 70 anni, che ha sempre vissuto li e che a malapena conosce l’italiano con esperienza di vita singolare e unica, come faccio a dire cosa è giusto per lui o sbagliato e convincerlo che quello che per me è giusto lo è anche per lui?

Una risposta giusta non la trovo. Trovo solo tutte le risposte!

Perché mi serve nel lavoro?

Perché il mondo continua ad evolversi e a mutare, così come le aziende che lo abitano. Tantissimi lavori dieci anni fa non esistevano e magari sarà così tra altrettanti anni. Aziende centenarie e che continuano a crescere in un ecosistema chiamato mondo in continuo cambiamento devono rimettersi in discussione e rivedere il proprio modo di lavorare e creare valore. Così come le persone che le compongono. Il cambiamento spaventa, la tecnologia spaventa e tutto ciò che è diverso spaventa. Più siamo pronti a rimetterci in discussione e più sviluppiamo un’apertura mentale che ci renderà la vita e il lavoro migliori oltre che alimentare un valore importantissimo. LA NOSTRA CULTURA!

Raccontami la tua storia, voglio sapere e conoscere un altro punto di vista 😃

Ciao Ciao 

LinkedIn