Sei a lavoro e nel mezzo della tua intesa mattinata, ad un certo punto passa il tuo responsabile o collega e con la massima disinvoltura ti presenta il nuovo amministratore delegato. Immerso nelle tue attività e colto alla sprovvista da questo importante incontro che hai tanto atteso, ti alzi, ti presenti e dici qualcosa per lasciare il segno e farti vedere. Questo è una rappresentazione del significato di improvvisare. Su Wikipedia il termine improvvisare è rappresentato così:
“allestire in fretta, senza preparazione né programmi, e con mezzi per lo più di fortuna”

Due concetti uguali, uno idealizzato e un altro raccontato. Voglio provare ad aggiungere un altro significato al termine improvvisare e voglio provare a spiegarti il perché.

La capacità di raccogliere i propri pensieri e di lasciarli andare istantaneamente.

Il significato del termine improvvisare rimane, ma quello che cambia è la visione d’insieme. E’ passata una settimana e il tuo programma preferito è iniziato. Preso dallo schermo e immerso nel punto più focale della puntata, arriva il tuo compagno/a e ti chiede: “cosa hai fatto a lavoro oggi?”. Colto alla sprovvista e ormai distratto dalla tua serie tv amata, pensi rapidamente a cosa hai fatto e ne parli oppure in altre ipotesi ti limiti semplicemente a dire per non distrarti “nulla di che” o “tutto bene”. Questo è improvvisare. E’ improvvisare perché nonostante chiesto probabilmente altre volte, noi in un momento inaspettato dobbiamo rispondere ad una domanda a cui non pensavamo minimamente.

Che differenza c’è tra l’esempio dell’incontro con il nuovo amministratore delegato e il tuo compagno/a?

La differenza sta nella preparazione all’improvvisare. Nel primo caso, raramente capita che ci venga presentato il nuovo amministratore delegato. Magari era la prima volta e ci siamo pure preparati per quell’incontro tanto atteso. Invece, il nostro compagno che ci chiede cosa hai fatto a lavoro è molto più frequente e nonostante non avessi preparato nessuna risposta, sei molto più pronta e reattiva a “improvvisare” una conversazione o una risposta.
La frenesia della vita di oggi, richiede tante volte questo. Potersi allenare ad improvvisare fa la differenza. Come nel caso dell’amministratore delegato, può farti vincere. Non puoi decidere quando improvvisare ma puoi solo cercare di essere più preparato possibile a farlo ed allenarti a mettere insieme i propri pensieri e di lasciarli andare più istantaneamente possibile.

Come posso allenarmi a farlo?
In un gruppo di persone, chiedi di scrivere su dei foglietti un tema/argomento. Piega i foglietti, mischiali e distribuiscine uno a caso e al prescelto chiedigli di parlare per sessanta secondi di quell’argomento pescato. Scoprirai cose inaspettate.

Casi su aziende?
Netflix! Per chi non conoscesse Netflix, è uno dei brand più influenti attuali e stiamo parlando di un’azienda che fattura 8 miliardi all’anno. Una volta al mese, totalmente a caso e senza averlo programmato spegne un componente di un reparto creando così una criticità. Lo scopo è quello di poter garantire il miglior servizio di Netflix nella massima rapidità possibile, anche in casi imprevisti e di massima allerta. Stesso identico principio del foglietto con il tema assegnato. Improvvisazione e rapidità.

Improvvisare e allenarti a farlo può farti vincere, nel lavoro come nella vita!

Ciao Ciao

LinkedIn